Cosa faccio

Credo che nella vita delle persone si debba entrare in punta di piedi, ed è così che approccio chi chiede il mio aiuto.

Accoglienza, ascolto, comprensione, rispetto, fiducia, competenza… è quello che offro alle persone che si rivolgono a me.

Ma più di tutto (quello che spesso mi sono sentita dire dai miei pazienti), chiarezza nel percorso terapeutico, e guida costante come un “genitore”.

Chiarezza, perché ci daremo degli obiettivi realistici e concreti.

La mia professione è affascinante, ma troppo spesso avvolta da un alone di mistero che può far sentire le persone indifese, quasi in soggezione nei confronti dell’esperto… non mi appartiene questa modalità!

Se l’obiettivo è preciso e il percorso chiaro e definibile il più possibile, non solo io ma anche la persona che mi ha scelta può fare una cosa che sembra difficile in una professione come questa, ovvero misurare. Si proprio cosi, misurare.

Perché se posso definire un obiettivo chiaro, posso procedere per piccoli passi, per step, e posso, ragionevolmente, misurare i progressi fatti.

Guida come un genitore, perché con il mio approccio terapeutico si ha la possibilità, la “seconda possibilità”, di ripercorrere determinate esperienze di base della vita che per qualche ragione sono state incomplete, mancanti o distorte, causando il malessere.

E proprio come un “nuovo genitore” vi accompagnerò in questo percorso di crescita tenendovi per mano.

Qualche volta mi sono sentita chiedere candidamente: Marilena ma come funziona? Cosa si fa quando si viene al tuo studio?

Mi tocca rispondere con una domanda, non me ne vogliate!

Avete presente quando vi sentite tesi anche senza un apparente motivo, nervosi? Quando non riuscite a prendere sonno e nemmeno a rilassarvi in poltrona con i vostri cari?

… Oppure quando state lì a rimuginare per giorni sullo stesso episodio… o vi prende la tachicardia e un nodo alla gola?

… Vi è mai capitata quella sensazione sgradevole di non riuscire a fare un respiro profondo?… Insomma ci siamo capiti!

A prescindere dal o dagli eventi, (eventi di cui potreste essere più o meno consapevoli) che causano il malessere per cui si decide di chiedere aiuto ad un professionista, si arriva alla porta di uno studio psicoterapeutico con uno o più dei sintomi sopra citati, e sono solo alcuni!

Ed è da li che partiremo. Perché?

Immaginate per un momento di avere un qualunque tipo di malessere fisico accompagnato da febbre alta. Il medico, prima ancora di darvi la cura giusta per il problema di salute che avete, si preoccuperà di farvi scendere la febbre!

Anche il mio intervento psicoterapeutico parte dalla “febbre”, cioè dall’alleviare i sintomi che stressano l’organismo, con le opportune metodologie, per poi lavorare sulle cause che li hanno generati.

Distesi su di un comodo lettino, in un ambiente essenziale e confortevole, potrete veramente lasciare tutto il mondo fuori e prendervi uno spazio solo vostro; potrete poggiare tutti i “pesi” su quel lettino e lasciare andare, mollare corpo e mente.

Uscire da quella stanza ogni volta con un pezzo in più e un peso in meno, vi darà la forza di cui avrete bisogno per superare paure e blocchi che vi affliggono e non vi permettono di godere appieno di ogni giorno della vostra vita.

Non è questione di crederci o meno ma di verificare!

L’esperienza della psicoterapia è sempre unica e irripetibile, perché unica e irripetibile è ogni persona.

Inoltre se siete iscritti CISL oppure accedete alla consulenza psicologica attraverso lo sportello SAF (Servizio di Assistenza Familiare) istituito dalla CISL di Caserta, di cui vi lascio il link, potrete beneficiare di un tariffario agevolato.

Le condizioni e le modalità vi saranno spiegate semplicemente chiamando il numero dello Sportello SAF.

PRESENTE SU:

MarketingPsicologo.it
Ordine Psicologi Campania

CONTATTI:

Casagiove (CE): Via Naz.le Appia, 253
320.7528366 - scrivi una mail
P.IVA 03677190617
C.F. DMCMLN78C71F839I
Iscr. Ordine Psic. Campania n. 2055

CONDIVIDI SUI SOCIAL:

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail